Paccheri di Gragnano con la ricotta

novembre 10, 2007

Evviva la semplicità! Una grande pasta, del pomodoro che conserva tutto il profumo dell’ estate, della ricotta di capra fresca. Questo formato impiega molto tempo a cuocere, circa 15 minuti, nel frattempo si fa la salsa, è cucina rapida, ma non si direbbe. Oggi l’ ho fatta al volo rientrando coi bimbi da scuola, è uno dei loro piatti preferiti.

Paccheri con la ricotta 4 persone

Ingredienti:

Paccheri di Gragnano 400 gr

Passata di pomodoro casalinga (o anche pezzetti) 1 bottiglia

Olio buono

Aglio, sale, basilico

Ricotta caprina o ovina 200 gr

Procedimento: Mettere a bollire abbondante acqua salata, nel frattempo avviare la salsa mettendo in una padella larga un filo d’ olio, 2 spicchi d’ aglio schiacciati, il pomodoro e il basilico. Lessare i paccheri, nel frattempo la salsa si sarà ristretta, toglierne 4 cucchiaiate e distribuirle a specchio nei piatti. Mescolare nella restante salsa la ricotta. Scolare la pasta, passarla nella padella col condimento, rimestare per bene e dividerla nei piatti salsati.


Stasera pizza!

ottobre 15, 2007

A casa nostra questa è una tradizione della domenica sera d’ inverno, quando il giorno dopo c’è scuola, non possiamo tirar tardi in giro e la stufa a legna è accesa. Non sto parlando naturalmente della vera pizza napoletana ma di una specia di focaccia al taglio.

Siamo rientrati a casa alle sette, quindi ho dovuto mettere un po’ di lievito in più all’ impasto per farlo lievitare in breve tempo, facendo le cose con calma la quantità di lievito va diminuita, a tutto vantaggio del gusto.  Come si fa la pizza in casa lo sanno tutti, forse non tutti hanno mai provato a spalmare un sottilissimo strato di strutto nella teglia invece dell’ olio. Il risultato è una pizza non solo perfettamente distaccata ma asciutta, di cottura uniforme, senza le bruciacchiature amarognole tipiche dell’ olio. Inoltre la pasta, stendendola con le dita nella teglia, non tende a ritirarsi scivolando verso il centro, ma si mantiene aderente permettendoci di stenderla in maniera uniforme e sottile senza aiuto di mattarello. Le teglie che uso sono quelle in alluminio pesante, con quelle in ferro non mi trovo altrettanto bene. Leggi il seguito di questo post »


Fusilli con la salsa e pubblicità occulta

settembre 21, 2007

Fusilli con la salsa

Quando si ha tanto da fare conviene scegliere una ricetta a cottura lunga. Questo perchè di norma le cose che vanno lasciate ore sul fuoco necessitano di una breve preparazione. L’ ingrediente tempo arricchisce il cibo in maniera straordinaria, e se il tempo non possiamo concederlo noi, lasciamo che lo conceda la fiamma.

Tutto questo sproloquio per dire che oggi, avendo tante ore da passare alla macchina da cucire, al mattino ho avviato il sugo di carne. Come si fa lo sanno tutti, ma questo è un blog di ricette, e quindi la metto.

 

Ingredienti:

Carne di manzo di taglio povero 1 kg

Cipolla, sedano, carota

Olio buono 3 cucchiai

Bottiglie di passata di pomodoro casalinga 3

Alloro, rosmarino, basilico

Sale, pepe

Procedimento: ridurre la cipolla, il sedano e la carota in un trito non troppo sottile. Lasciarlo appassire nell’ olio a fiamma moderata, quando la cipolla sarà traslucida aggiungere la carne, in un solo pezzo o a tranci, secondo il gusto. Farla rosolare da tutti i lati, quindi coprire col pomodoro, aggiungere gli odori, il sale e una macinata di pepe.

Coprire col coperchio senza chiudere del tutto la pentola, per permettere al sugo di ridursi. Cuocere a fiamma bassissima per circa 3 ore, la salsa non deve bollire ma appena “pippiare”.

Pasta de cecco

 

Visto che in questi giorni si parla tanto tra i food blogger di pubblicità più o meno mascherata nei post, metto anche io il mio contributo mostrando la marca che uso, che coniuga secondo me il gusto con la tasca. Il formato in questione sono gli spiritosi fusilli bucati corti. Quelli lunghi sono ancora più buoni, ma non mi andava di lavare la tovaglia.

Adesso aspetto fiduciosa che la ditta in questione mi contatti per l’ adeguata retribuzione!